La sfida

Il posizionamento di un catetere vascolare aumenta il rischio di infezione del sangue.

87PC-infections

Quasi tutti i pazienti ospedalizzati sono sottoposti all'utilizzo di  qualche tipo di dispositivo di accesso vascolare, e circa l'87% delle infezioni del sangue è associato alla presenza di un dispositivo intravascolare.1 Il Centro per la prevenzione ed il controllo delle malattie ritiene che, negli Stati Uniti, i casi di infezioni del sangue legate al catetere siano circa 250.000 all'anno.2 Queste infezioni comportano un aumento dei costi, dei tassi di mortalità e del numero di giorni di ospedalizzazione.2,3

La nostra soluzione

Il design dei nostri connettori per linea d’infusione endovenosa svolge un ruolo importante nella riduzione delle infezioni sanguigne.4

 

Reduce -bacteria

Ciascuno dei dispositivi per terapia infusionale è stato studiato per mantenere la sicurezza di pazienti ed operatori sanitari, fornendo un sistema meccanicamente e microbiologicamente chiuso e senza ago per l’accesso vascolare. 

Per primi i nostri connettori hanno previsto l’adozione di una tecnologia atta a garantire un percorso lineare del fluido, in grado di ridurre in modo significativo l’ingresso dei batteri e la colonizzazione. Questi prodotti forniscono non solo maggior sicurezza grazie alla tecnologia priva di ago, ma anche una concreta barriera contro il trasferimento batterico e la contaminazione.5,6

In uno studio relativo a questo aspetto ed alla proprietà di formazione di biofilm dei connettori senza ago, MicroClave di ICU Medical è risultato primo in termini di contrasto, dimostrando di poter ostacolare trasferimento e colonizzazione batterica. All’interno dello studio i ricercatori hanno evidenziato la capacità del MicroClave di fornire un maggiore livello di protezione dai batteri che si trasferiscono dalle superfici esterne al sangue del paziente, importante vantaggio nella lotta per eliminare le infezione del sangue correlate all’uso di catetere.5

Connettore

Valori medi complessivi (Colonizzazione/flusso)*

Valore p
MicroClave 2.5 ≤0.0001
SmartSite 3.6 ≥0.0677
ClearLink 3.6 ≥0.0677
Invision-Plus 3.8 ≥0.0677
Maximus 4 ≥0.0677
Q-Syte 4.8 ≤0.0001
ConnettoreDensità connettoreDensità raccordoDensità catetere
MicroClave 2.123 1.871 1.011
ClearLink 2.591 2.368 1.101
Maximus 3.432 2.398 1.980
SmartSite 2.878 2.629 1.386
InVision-Plus 3.306 3.046 1.391
Q-Syte 3.348 3.159 2.223

*Calcolata come rapporto medio dei minimi quadrati

Inoltre, la formazione del trombo è correlata ad un maggior rischio d’infezione per il paziente legata al catetere. La fibrina, i componenti sanguigni ed il biofilm possono accumularsi,7 creando terreno fertile per la proliferazione batterica e, di conseguenza, per l'accesso di microrganismi nel flusso ematico.8 Il nostro dispositivo Neutron, creato per mantenere la pervietà, è il primo ed unico prodotto approvato dalla FDA in grado di prevenire tutti i tipi di reflusso di sangue nel catetere e quindi di ridurre il rischio di trombosi, prolifica per le infezioni.

 

Seminari on-line e presentazioni

WebinarThumb

Needle-free Connectors: Split Septum vs. Mechanical Valve…Can this classification model predict infection risk? 

By Marcia Ryder, PhD MS RN. APIC 2010 Satellite Symposium, Tuesday, July 13th, 2010. Running time: 1hr. 27min

WebinarThumb

Vascular Access...Connection Without Infection!

By Marcia Ryder, PhD MS RN, Research Coordinator at the Center for Medical Biofilm Research University of Southern California. Running time: 58min.

Riferimenti bibliografici

  1. Ryder, M. Catheter-related infections: It's all about biofilm. Topics Adv Pract Nurse Journal. 2005 [cited 2006 Sept 11]; 5(3). Available www.medscape.com/viewarticle/508109.
  2. Blot SI, Depuydt P, Annemans L, et al. Clinical and economic outcomes in critically ill patients with nosocomial catheter-related bloodstream infections. Clin Infect Dis 2005;41:1591-1598.
  3. Centers for Disease Control and Prevention. Reduction in central line-associated bloodstream infections among patients in intensive care units-Pennsylvania, April 2001-March 2005. MMWR Morb Mortal Wkly Rep 2005;54:1013-1016.
  4. Jarvis W, MD. Choosing the Best Design for Intravenous Needleless Connectors to Prevent Bloodstream Infections. Infection Control Today, August 2010 (http://www.infectioncontroltoday.com/articles/2010/07/ choosing-the-best-design-for-intravenous-needleless-connectors-to-prevent-bloodstream-infections.aspx.)
  5. Ryder M, James G, Pulchini E, Bickle L, Parker A. Differences in bacterial transfer and fluid path colonization through needlefree connector-catheter systems in vitro. Presented at the Infusion Nursing Society Meeting, May 2011.
  6. Moore C, RN, MBA, CIC. Maintained Low Rate of Catheter-Related Bloodstream Infections (CR-BSIs) After Discontinuation of a Luer Access Device (LAD) At an Academic Medical Center. Poster presented at the annual Association for Professionals in Infection Control and Epidemiology (APIC) Conference 2010, Abstract 4-028.
  7. Gorski, Lisa A MS, RN, CS, CRNI. Central Venous Access Device Occlusions: Part 1: Thrombotic causes and treatment. Home Healthcare Nurse. 21:2;115-121, February 2003.
  8. Ryder M. The role of biofilm in vascular catheter-related infections. N Dev Vasc Dis. 2001;2:15-25.